Le Voci dell’Inchiesta – rinviata la XIII edizione

Considerata la situazione di emergenza nella quale a tutti è chiesto un grande senso di responsabilità, anche un festival come “Le voci dell’inchiesta – Pordenone Docs Fest” deve fare la propria parte con consapevolezza e impegno per il bene comune. Nonostante gli attuali provvedimenti impongano restrizioni per gli eventi fino al 3 aprile, la XIII edizione de Le Voci dell’Inchiesta – Pordenone Docs, originariamente programmata dal 15 al 19 aprile 2020, sarà rinviata a date da destinarsi.

“Il festival si è contraddistinto per la sua forte attenzione all’attualità, ai diritti civili, all’ambiente, con l’idea di fondo di testimoniare e promuovere – tramite i migliori documentari da tutto il mondo – i valori basilari di una società civile e attiva nel cambiamento” – spiega Riccardo Costantini, coordinatore del festival. “In un momento come questo, a maggior ragione, non possiamo non tener conto della situazione che ci circonda e il nostro pubblico, partecipe e attento, di sicuro condivide questa scelta difficile in un momento di forte incertezza. Avremmo voluto riproporre quello che sentiamo come un servizio pubblico, a costo anche di avere pochi spettatori, pur di testimoniare la necessita di andare avanti e non aver paura. Ma la salute collettiva è al primo posto e ha priorità assoluta. Non possiamo non rimandare, pur avendo sperato fino all’ultimo di poter dare vita a un’edizione che il nostro pubblico ha dimostrato in questi mesi di attendere con grande coinvolgimento.”. Nonostante il programma fosse praticamente già pronto, con decine di anteprime nazionali di documentari pluripremiati, con ospiti di prestigio assoluto già calendarizzati, Cinemazero condivide senza esitazioni un messaggio chiaro: è bene che tutto si fermi, rimanga in pausa, per ripartire con rinnovato entusiasmo ed energia non appena le condizioni lo consentiranno. Cinemazero continuerà a lavorare per garantire, quando la situazione si sarà stabilizzata, un’edizione piena di documentari cruciali, di stretta attualità, per ritrovare il senso della comunità dopo un momento di emergenza, anche nel segno della settima arte.

Cinemazero intende ringraziare sia le istituzioni pubbliche (Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune di Pordenone) che i numerosi sponsor privati che stanno dimostrando solidarietà e partecipazione, anche concreta, in un momento molto delicato in particolare per il mondo culturale e legato agli eventi: per la progettualità de Le voci dell’inchiesta fondamentale è e sarà il supporto di Fondazione Friuli, CGN Servizi, Coop Itaca, Coop Alleanza 3.0, Ordine dei Giornalisti – Consiglio Nazionale, Il Capitello, con cui negli anni si è instaurato un rapporto di fiducia e progettualità condivise che oggi più che mai si dimostra fondamentale per affrontare e superare questo momento.