Le voci dell'inchiesta 11a edizione / A woman captured

A woman captured di Bernadett Tuza-Ritter

13 aprile 2018, h 18:00 - Cinemazero - Sala Grande

Sembra incredibile, ma in Europa esiste ancora la schiavitù: la storia e il coraggio di una donna, prigioniera in famiglia per decenni, che ci insegna molto sulle nostre libertà quotidiane. Ungheria, a pochi chilometri da Budapest. Marish è una donna di cinquantadue anni e da più di dieci è al servizio di una famiglia per cui lavora venti ore al giorno senza ricevere alcun compenso. La sua carta d’identità le è stata requisita e non le è consentito lasciare la casa. Trascorre i suoi giorni nella paura, ma continua a sognare di riavere indietro la sua vita. La presenza della cinepresa di Bernadett Tuza-Ritter, incredibilmente accettata nella casa, la aiuta a prendere coraggio e a cambiare radicalmente la sua vita…

ANTEPRIMA NAZIONALE – FILM IN CONCORSO

In collaborazione con Carta di Pordenone
Voce Donna Pordenone

Intervengono
Bernadett Tuza-Ritter – Regista indipendente ungherese, specializzata in documentari. Ha studiato regia e montaggio presso l’University of Theatre and Film Arts di Budapest. Ha collaborato a vari progetti di lungometraggio. È particolarmente interessata alla sperimentazione e al superamento dei confini tra finzione e documentario. A Woman Captured è il suo primo film.
Giulia Bosetti – Giornalista, dal 2005 ad oggi ha lavorato come inviata e autrice delle inchieste filmate per L’Infedele di Gad Lerner su La7, Annozero, Servizio Pubblico e M di Michele Santoro su Rai Due, multipiattaforma e Rai Tre, Presadiretta di Riccardo Iacona, sempre su Rai Tre. Per le sue inchieste giornalistiche, nel 2014 ha vinto il Premio Tutino Giornalista e il Premio giornalistico Roberto GhinettiSezione Giovani, nel 2016 il Premio Paolo Giuntella per la libertà di informazione, nel 2017 il Premio Ischia Internazionale di Giornalismo come giornalista dell’anno per la TV.

Info