Chi siamo

CINEMAZERO



L'associazione culturale Cinemazero nasce il 24 marzo del 1978.  È del 1979 la prima grande e completa retrospettiva su Pier Paolo Pasolini, scomparso pochi anni prima. La manifestazione viene accompagnata anche da una mostra dei disegni originali di Pasolini, da una mostra di fotografie e da una pubblicazione "Il cinema in forma di poesia".
Nel 1982 Cinemazero fonda, assieme alla Cineteca del Friuli, "Le giornate del cinema muto", un festival che diventerà in pochi anni un punto di riferimento internazionale per studiosi, critici e giornalisti, interamente dedicato al cinema delle origini.
Nel corso del tempo Cinemazero ha sviluppato un patrimonio iconografico consistente su Pasolini, Tina Modotti ed altri fotografi che permette di allestire mostre fotografiche in Italia e nel mondo.
Da questo patrimonio sono nati anche documentari su Federico Fellini e sull'ultimo film di Pasolini "Salò o le 120 giornate di Sodoma" presentati ai Festival di Cannes e Venezia.
Nel corso degli anni a Cinemazero si è anche costituita una Mediateca che ora conta quasi 10.000 volumi sul cinema e dintorni e 20.000 film.
Innumerevoli sono state le retrospettive e gli incontri con l'autore: da Bernardo Bertolucci a Pupi Avati, da Damiano Damiani a Nanni Moretti, da Giuseppe Tornatore ad Abel Ferrara...
Attualmente, oltre alla pubblicazione di un mensile (Cinemazero/Notizie), ad una collana editoriale e alla gestione di una piccola ma frequentatissima multisala d'essai (oltre centomila presenze all'anno) con tre schermi (da 272, 67 e 67 posti), Cinemazero conduce articolati progetti annuali con le scuole su didattica e cinema. La multisala fa parte anche del circuito "EuropaCinemas" e del circuito "100 Città".
L'Associazione ha sviluppato e continua a sviluppare una mole d'iniziative qualificate che varcano i confini nazionali, da mostre fotografiche a convegni di studi (Lo sguardo dei maestri). Fra le altre, Pordenonelegge.it, di cui siamo fondatori e fra gli organizzatori, è uno dei principali e più seguiti festival internazionali di letteratura di tutta Italia.
La kermesse "Le voci dell'inchiesta" rappresenta la nostra nuova e gettonatissima proposta festivaliera, insieme a "FMK International Short Film Festival", iniziativa totalmente dedicata al cinema indipendente e a basso budget. Cinemazero ha vinto nel 2006 il premio di miglior sala d'essai d'Italia.
Insieme al CEC di Udine, ha poi recentemente fondato la casa di distribuzione Tucker Film, pioniera nel portare in Italia il grande cinema orientale.
Cinemazero ha recentemente ritrovato e restaurato due film considerati perduti di Orson Welles: Too much Johnson e Il mercante di Venezia, ora presentati nei grandi festival e musei di tutto il pianeta.

www.cinemazero.it



LE VOCI DELL'INCHIESTA



Le voci dell'Inchiesta (9a edizione) è una manifestazione dall’originale impianto multimediale, ideata per favorire un confronto del pubblico e degli operatori con il cinema del reale, con il documentario d'impegno civile e lo “strumento” dell’inchiesta. Quest'ultimo è per sua natura giornalistico, ma al tempo stesso prezioso mezzo di espressione artistica per autori e cineasti, sempre più attuale e necessario per analizzare la complessità crescente della realtà. Il palinsesto è articolato in proiezioni, incontri, letture, dibattiti, organizzati e suddivisi per temi e forme d’inchiesta, distribuiti nelle tre sale di Cinemazero. Fiore all’occhiello del festival sono gli ospiti davvero d’eccezione. “Le voci dell’inchiesta” riunisce a Pordenone alcuni maestri e i protagonisti odierni dell’inchiesta giornalistica (in tutte le sue manifestazioni: dalla carta stampata a internet, ai nuovi media), dell’inchiesta filmata (cinematografica e televisiva).

Le precedenti edizioni del festival Le voci dell'inchiesta (2007-2014) hanno avuto un eccellente riscontro di pubblico e mediatico.
Fra gli ospiti intervenuti, Sergio Zavoli, Angelo Guglielmi, Riccardo Iacona, Furio Colombo, Emilio Ravel, Bruno Voglino, Paolo Ruffini, Enrico Deaglio, Beppino Englaro, Corradino Mineo, Marco Pratellesi, Bice e Carla Biagi, Curzio Maltese, Nino Criscenti, Franco Iseppi, Emmanuele Milano, Duilio Giammaria, Pio D'Emilia, Domenico Iannacone, Corrado Stajano, Mario Dondero, Roberto Morrione, Attilio Bolzoni, Maurizio Torrealta, Oliviero Beha, Cecilia Mangini, Tommaso Montanari, Sveva Sagramola, Valeria Palumbo, Gianfranco Pasquino, Sigfrido Ranucci, Roberto Reale, Loris Mazzetti, Giovanni Minoli, Walter Veltroni, Italo Moscati, Piero Badaloni, Gianni Barbacetto, Letizia Battaglia, Gianni Bisiach, Sergio Canciani, Mimmo Candito, Marco Travaglio, Saverio Lodato, Giulietto Chiesa, Beppe Cremagnani, Barbara Cupisti, Fiore De Rienzo, Pierpaolo Cito, Pierpaolo Mittica, Luciano Mirone, Riccardo Staglianò, Giovanni Ziccardi, Gianfranco D'Anna, Gloria De Antoni, Carlo Ripa di Meana, Roberto Scarpinato, Giovanni Rizzoni, Claudio Lazzaro, Roberto Olla, Fabio Ghioni, Roberto Savio, Alejandro Inchaurregui, Andrea Sirotti Gaudenzi, le redazioni di "Libera","Articolo 21", "Rai News 24", Ugo Gregoretti, Luciano Emmer, Gianfranco Mingozzi, Giuseppe Bertolucci, Oliviero Ponte di Pino, Ascanio Celestini, Pippo Delbono, Ulderico Pesce, Enrico Ghezzi, Daniele Vicari, Gianfranco Rosi, Daniele Segre, Francesco Conversano, Nene Grignaffini, Carlo Bachschmidt, Gustav Hofer, Luca Ragazzi, Fredrik Gertten, Raffaele Brunetti, Benoit Felici, Piergiorgio Gay, Franco Fracassi, Thomas Torelli, Inge Altemeier, Reinhard Hornung, Claudia Cipriani, Marco Leopardi, Gilles Coton, Paolo Serbandini, Giovanna Massimetti, Penelope Bortoluzzi, Valentina Monti, Diana Fabianova, Bruno Bigoni, Alessandro Melazzini, Martyn Burke, Andrea Prandstraller, Marco Bertozzi, Pierfrancesco Diliberto (Pif), Teho Teardo, Giuliana Musso, Chiara Stoppa, Andrea Princivalli, Giancarlo Soldi, Marina Nehmat, Nina Rosenblum, Rachel Beth Anderson, e molti altri ancora fra scrittori, registi e giornalisti.

www.voci-inchiesta.it
© cinemazero, tutti i diritti riservati - - privacy - Site credits: blendgroup.it