07 aprile 2017
ore 15:01
MOUTH OF HELL di Samir Mehanovic
Proiezione / Incontro / Cinemazero
In collaborazione con UNICEF


MOUTH OF HELL
di Samir Mehanovic
(Gran Bretagna, 2014. 21’)

ANTEPRIMA NAZIONALE
Gran Prix Award all’International Short Film Festival, 2016
Candidato come Miglior Cortometraggio al BAFTA Film Awards 2017


Un bambino di 8 anni costretto a vivere nella bocca dell’inferno, lavorando in uno dei luoghi più pericolosi al mondo. Ma la sua vita potrebbe cambiare per sempre grazie a un incontro casuale...
Jharia è la miniera di carbone a cielo aperto più grande e produttiva dell’India. Uno dei luoghi più pericolosi al mondo, dove la gente del posto, che per sopravvivere è costretta a raccogliere carbone in situazioni di pericolo, soffre di problemi respiratori e vive in case precariamente costruite su un terreno instabile. Il corto racconta la storia di Anant, un bambino di 8 anni che vive vendendo nei mercati locali il carbone per cercare di nutrire se stesso e sua madre malata. La sua vita cambia quando inciampa inaspettatamente su di un portafoglio contenente 5000 rupie.


​INTERVIENE

Samir Mehanović regista, produttore e sceneggiatore bosniaco. Mouth of Hell, il suo cortometraggio è stato nominato al BAFTA 2017 e ha ricevuto il Grand Prix Award al 22esimo Festival Internazionale del Cortometraggio a Drama, in Grecia 2016 per la cortometraggio Bocca dell'Inferno. In precedenza ha ricevuto il premio speciale della giuria IDFA per il documentario The Fog di Srebrenica e il premio BAFTA, in Scozia, per il cortometraggio The Way We Played



TAGS: MINIERA, LAVORO MINORILE; INDIA; POVERTÀ
« indietro  |  avanti »
© cinemazero, tutti i diritti riservati - - privacy - Site credits: blendgroup.it